Esplora le Ere

Cenozoico

Il Cenozoico

Il Cenozoico è suddiviso in 5 periodi: Paleocene, Eocene, Oligocene, Miocene, Pliocene

Il Cenozoico è anche chiamato "Era dei Mammiferi".
Questi animali sopravvissuti alla catastrofe planetaria che determinò la fine dei grandi Rettili, iniziarono fin dal Paleocene (65-56 milioni di anni fa) quei processi evolutivi che li condurranno a conquistare la Terra e alla comparsa dell'Uomo.
Nell' Eocene (56-34 milioni di anni fa) alcuni Mammiferi, come ad esempio i Cetacei, si adattarono all'ambiente marino, altri, come i Chirotteri, impararono a volare. Nell' Oligocene (34-23 milioni di anni fa) vissero i più grandi Mammiferi mai esistiti.
Nel Miocene (23-5 milioni di anni fa) e nel Pliocene (5-2 milioni di anni fa) cominciarono ad evolversi tutte le forme che popolano oggi il nostro pianeta.
Fra queste i Primati che, già presenti durante l'Eocene, subirono quei processi di specializzazione che li porteranno ad evolversi sia in scimmie che in uomini.
Nel Pliocene, in particolare iniziò quel processo di umanizzazione che si completerà successivamente.

Specie viventi: Macairodo, Platybelodonte, Proconsul.

  • Mesozoic
  • Mesozoic

Macairodo (Machairodus sp.)

Il Macairodo, era un grosso felino che cacciava nelle praterie del continente Eurasiatico durante il Miocene e il Pliocene.

Aveva le dimensioni di una tigre ma con una caratteristica peculiare impressionante: i suoi denti canini superiori erano talmente sviluppati da meritargli l'appellativo di "Tigre dai denti a sciabola".
Queste armi micidiali misuravano quindici centimetri, erano robustamente innestate nella mascella e il loro impressionante morso doveva essere supportato da potenti muscoli.

Gli studiosi non sono ancora d'accordo su come questi felini usassero i canini; nutrendosi di grosse prede come cavalli e bisonti primitivi probabilmente usavano i denti per pugnalare e soffocare la prede.
Il Macairodo non era l'unica tigre dai denti a sciabola presente in quel periodo, infatti nel continente americano troviamo lo Smilodonte, molto simile sia nella forma che nelle dimensioni.

Jurassic Park (1994) di Steven Spielberg è senza dubbio il film più famoso sui dinosauri.

Scheda tecnica

  • Periodo: Miocene Pleistocene
  • Anni fa: 15.000.000 - 500.000
  • Ambiente: Foresta Savana
  • Classe: Mammifero
  • Alimentazione: Carnivoro
  • Ritrovamenti: Europa, Africa, Asia
  • Lunghezza: 2,10m
  • Altezza: 1,10m
  • Peso: 250kg
  • Period: Miocene Pleistocene

Macairodo

Percorso botanico

Agave Sisalana

Melia azedarach

Detto anche l'albero dei rosari o albero dei paternostri è un albero deciduo della famiglia delle Meliaceae, nativo di India, Cina meridionale e Australia.

Il genere Melia include altre quattro specie di alberi di piccole dimensioni, decidui o semi-sempreverdi, diffusi dall'Asia sud-orientale all'Australia settentrionale. In passato il nocciolo dei frutti, duro e sferico è stato largamente utilizzato nella realizzazione di rosari, prima dell'avvento delle materie plastiche.

Platybelodonte (Platybelodon grangeri)

Il Platibelodonte era una proboscidato vissuto nella seconda metà del Miocene.

Aveva quattro zanne molto particolari: le inferiori, costituite dagli incisivi inferiori, erano molto sviluppate, lunghe e piatte, e probabilmente servivano a rimuovere il terreno alla ricerca del cibo.
Erano innestate su una mandibola di notevole lunghezza che si restringeva prima dei denti molari, conferendole una struttura molto robusta che ricordava una grande pala. Le zanne superiori, invece, erano meno sviluppate e potevano servire per difesa.

Pur essendo un antenato degli elefanti, la sua proboscide si riduceva ad un corto labbro superiore molto grande e robusto.
Pare vivesse ai margini dei fiumi o in zone paludose, nutrendosi di piante acquatiche e vegetali teneri.

I fossili meglio conservati di Platibelodonte sono stati rinvenuti nel deserto dei Gobi, in Mongolia, ma l'animale viveva anche in Nord America, Europa orientale e Africa settentrionale.

Eccolo l'antenato dell'elefante.

Scheda tecnica

  • Periodo: Miocene Pleistocene
  • Anni fa: 15.000.000 - 500.000
  • Ambiente: Palustre
  • Classe: Mammifero
  • Alimentazione: Erbivoro
  • Ritrovamenti: Asia, America
  • Lunghezza: 6m
  • Altezza: 3m
  • Peso: 4ton

Platybelodonte

Proconsul (Proconsul nyanzae)

Il genere Proconsul visse nel periodo Miocenico, tra i 15 e i 12 milioni di anni or sono.
I ritrovamenti riguardanti questo primate che talvolta viene classificato come Dryopithecus sono stati effettuati in Africa (Kenia e Uganda).

Questo Primate potrebbe essere considerato un rappresentante del ceppo ancestrale che avrebbe dato vita da un lato ai moderni Pongidi e dall'altro agli Ominidi, famiglia alla quale appartiene l'uomo.

Dal punto di vista anatomico, possiamo dire che la taglia doveva essere come quella di un babbuino, il muso era prognato e il toro sopraorbitario era assente.

La dentatura era caratterizzata da canini di grandi dimensioni e da premolari eteromorfi.
Gli arti erano predisposti per la locomozione quadrupede, ma secondo alcuni ricercatori poteva esprimere qualche tendenza alla brachiazione.

La dieta doveva essere onnivora, costituita da elementi vegetali teneri, come sembra suggerire il lieve spessore dello smalto dei denti premolari e molari superiori e integrata da piccoli vertebrati ed insetti.

L'Africa spostandosi verso nord si saldò con l'Asia minore consentendo ai Proconsul di diffondersi ovunque.

Scheda tecnica

  • Periodo: Neogene
  • Anni fa: 15.000.000 - 12.000.000
  • Ambiente: Foresta-Savana boscosa
  • Classe: Mammalia
  • Alimentazione: Onnivoro
  • Ritrovamenti: Africa
  • Altezza: 1,40m
  • Peso: 25kg

Proconsul

Megalodonte (Carcharodon 19)

l megalodonte è una specie estinta di squalo di notevoli dimensioni, noto per i grandi denti fossili. Il nome scientifico megalodon deriva dal greco e significa appunto "grande dente". I fossili si trovano dall'Eocene al Pliocene (tra 55 e 1,8 milioni di anni fa). La classificazione è oggetto di dibattito scientifico tra gli esperti.

Le dimensioni dei fossili ritrovati (per lo più denti lunghi fino a 17 cm, anche se pare siano stati ritrovati denti di 20 cm) fanno pensare ad un animale la cui lunghezza avrebbe potuto raggiungere i 18 metri. Le stime sul peso indicano che potesse raggiungere le 50-60 tonnellate. Basandosi sul metabolismo dello squalo bianco, si pensa che il C. megalodon avesse bisogno di mangiare in media un quinto del suo peso ogni giorno, cioè 8 tonnellate di carne. Possedeva un'apertura della mascella superiore ai 2 metri e pare che la sua dieta potesse includere anche le grandi balene.

Scheda tecnica

  • Anni fa: 55-1.800.000
  • Alimentazione: Carnivoro, (Pesci ed altri esemplari marini)
  • Ritrovamenti: Cosmopolita
  • Lunghezza: 19m
  • Larghezza: 10m
  • Peso: 60t

Megalodonte

Il C. megalodon era un predatore diffuso in tutti gli oceani dalle latitudini più meridionali a quelle più settentrionali; adatto a più ambienti e più climi, probabilmente preferiva le zone relativamente costiere, in cui era facile incontrare i grossi mammiferi marini di cui certamente si nutriva.

Reperti di questo grosso squalo sono però stati rinvenuti anche in zone all'epoca di mare aperto, oppure in giacimenti situati in piccole isole remote dell'oceano pacifico e dell'Oceano Indiano, che testimoniano come l'animale vivesse anche in ambienti di mare aperto. Va però aggiunto che era, con ogni probabilità, un predatore specializzato nella caccia a poca profondità.